garanzia autovetture auto usato, D LGS 2 febbraio 2002 n 24

garanzia autovetture auto usato

garanzia beni consumabili

D LGS 2 febbraio 2002 n 24

home
garanzia autovetture auto usato
L’utilità per il consumatore di questa garanzia deriva dal fatto che non deve provare
la causa del difetto, ma semplicemente allegare il non funzionamento.
La garanzia per i vizi e quella di buon funzionamento sono derogabili nel contenuto
e nel soggetto che le assume su di sé (venditore, costruttore). I costruttori di beni di
consumo hanno conseguentemente potuto creare garanzie di fabbrica (commerciali)
sullo schema di quella di buon funzionamento, a volte molto articolate. Tali
“garanzie” generalmente escludevano la facoltà del compratore di richiedere la
sostituzione della vettura o la risoluzione del contratto2, limitando l’impegno del
fabbricante alla mera sostituzione del pezzi avariati.
È facile comprendere come un sistema così articolato abbia finito per divenire molto
complicato, dovendosi, da una parte, distinguere tra ipotesi di vizi, mancanza di
qualità, garanzia di buon funzionamento, aliud pro alio, ecc., dall’altra onerando il
compratore di provare la causa del difetto. Onere questo non agevole perché spesso
l’origine del difetto non è ben collocabile in un periodo di tempo e può rimanere il
dubbio se sia originato dopo la consegna, a causa di un’errata manovra o cattiva
manutenzione.
garanzia beni consumabili
La normativa comunitaria sulla garanzia dei beni consumabili impone la garanzia legale anche per i beni usati, le parti possono pero’ negoziare periodi di garanzia più brevi, ma non inferiori ad un anno.
Nel caso non si dica nulla, il periodo di garanzia è di due anni, come per le vetture nuove.
Nella vendita dell’usato la garanzia per i vizi assume aspetti peculiari, essendo evidente che non può coinvolgere problematiche relative all’usura normale del bene, ma solo relative a conseguenze anormali (es. rottura monoblocco motore). Come si è rilevato in precedenza un difetto di conformità non consiste in qualsiasi difetto, anche minimale, ma in un difetto grave ed inusuale; ne consegue che non possono essere ammesse alla garanzia inefficienze che appartengono ad un usura ordinaria del bene ( nel diritto anglosassone : fair wear and tear).
Circa i rimedi, si pongono poi evidenti ostacoli all’applicabilità all’usato della sostituzione del bene. Sarebbe stato opportuno un chiarimento da parte delle normative nazionali di recepimento (la legge italiana nulla dice). Ciò ha creato notevole apprensione presso i rivenditori di “usato” ed i riparatori indipendenti.

D LGS 2 febbraio 2002 n 24
Lo Stato italiano con il D. Lgs. 2 febbraio 2002, 24, ha recepito, con poche innovazioni, la Direttiva Com unitaria 99/44/CE.
Sono necessarie alcune notazioni per gli aspetti non trattati in precedenza.

Si consideri, innanzitutto, che la nostra giurisprudenza riene vincolanti solo dichiarazioni inserite nel contratto, ma non quelle che derivano da elementi es terni ( Cass. 25 gennaio 1992, 822) e non si è mai spinta a considerare valide dichiarazioni rivolte al pubblico ( Cass. 3 aprile 1997, 2887). Ora si dovrà ragionare in altri termini. La normativa di recepimento precisa che, ai fini della applicazione dei rimedi della garanzia, nel caso si pervenga alla sostituzione della vettura od alla risoluzione del
contratto con restituzione della vettura deve, comunque, essere attribuito un valore all’uso del bene.
Rimangono, comunque, da chiarire altre questioni. Nella direttiva il rimedio della sostituzione del bene non è legato alla gravità del difetto, bensì alla non eccessività del rimedio rispetto alla riparazione. Si ha riguardo, dunque, al bilanciamento di un rimedio rispetto all’altro, senza entrare nel merito della gravità del difetto di conformità, che diventa, con evidente errore concettuale, assoluto.

 

elearning_games  
garanzia beni consumabili
   
sagre Modena Bologna emilia romagna        
vendita cosmetici online